Quello di Unreal è un brand storico, sia perché ha permesso ad Epic Games (e alla figura di Cliff Bleszinski) di assumere una certa rilevanza nell’industria dei videogiochi, sia perché con i vari Unreal Tournament ha creato un vero e proprio fenomeno per quanto riguarda gli sparatutto competitivi, sebbene negli anni abbia via via perso il seguito di una volta. A distanza quindi di ben 8 anni dall’uscita di Unreal Tournament III e dopo aver perso la figura di Cliffy B., Epic Games ci prova di nuovo, questa volta con un titolo che abbraccia un modello economico parecchio chiacchierato, ma che potrebbe rappresentare l’elemento chiave per il suo successo. Aspettiamo con ansia il nuovo capitolo.